Cassazione, stupro a scuola: il Ministero dell’Istruzione risarcirà la vittima

Cassazione, stupro a scuola: il Ministero dell'Istruzione risarcirà la vittima“La scuola non ha vigilato”. Il caso a Tivoli dove una minorenne fu violentata da un operaio durante i lavori di manutenzione dell’edificio

Roma, – Una minorenne rimase vittima di uno stupro in una scuola elementare di Tivoli, per questo il Ministero dell’Istruzione dovra’ risarcire la vittima della violenza, divenuta nel frattempo maggiorenne, per la mancata vigilanza nell’edificio. In particolare, la Terza sezione civile chiarisce che la “predisposizione degli accorgimenti necessari da parte della direzione scolastica non puo’ non essere strettamente legata alle circostanze del caso concreto: da quelle ordinarie, tra le quali l’eta’ degli allievi, che impone una vigilanza crescente con la diminuzione dell’eta’ anagrafica, a quelle eccezionali, tra le quali puo’ certamente ricomprendersi l’esistenza di lavori di manutenzione dell’immobile, che implicano la prevedibilita’ di pericoli derivanti dalle cose e da persone estranee alla scuola e non conosciute dalla direzione didattica, ma a circolare liberamente per il compimento della loro attivita’”.

Inutile il ricorso del Ministero dell’Istruzione in Cassazione volto a spostare la responsabilita’ sul comune di Tivoli dal momento che era il committente dei lavori di manutenzione nella scuola. La Cassazione ha bocciato il ricorso del Miur e ha evidenziato che “la mancata organizzazione della sorveglianza (nei pressi del bagno), che avrebbe dovuto essere predisposta piu’ accuratamente per la presenza autorizzata di estranei nell’edificio, ha contribuito al verificarsi dell’evento. Mentre – evidenzia piazza Cavour – l’amministrazione non ha adempiuto all’onere di dimostrare di avere predisposto gli accorgimenti idonei ad evitare l’evento”. Il Miur e’ stato condannato anche a rifondere le spese processuali sostenute dalla vittima dell’abuso, per una somma pari a 14.200 euro, e dal comune di Tivoli con 9.200 euro.

Fonte Adnkronos

I commenti sono chiusi