Sbullit Action: centro d’ascolto

Sbullit Action: centro d'ascoltoSbullit Action è un grande progetto a lungo termine dedicato a tutti quei ragazzi e ragazze che vogliono vivere la loro vita reagendo ai soprusi, scegliendo nuove forme di aggregazione per combattere le violenze, accettando le sfide della vita da protagonisti. Accettare la «sfida» significa educare anche i ragazzi a considerare e a vivere il proprio tempo libero come un tempo prezioso per mettersi in comunicazione con se stessi e con gli altri.

Bullismo:
sia le vittime che i “carnefici” sono a rischio psichiatrico da adulti.
.
Tra i ragazzini e le ragazzine che perseguitano i coetanei una volta adulti si riscontrerà, una percentuale quadruplicata di disturbi da personalità antisociale. Molti faranno anche “carriera” passando, da grandi, a praticare “mobbing” contro sottoposti e colleghi di lavoro. Che il fenomeno non sia marginale lo dimostra un’indagine Censis svolta in Italia nel 2008: oltre il 49 per cento sono le classi toccate dal bullismo. La metà del totale. Tra quelli classificati, sia vittime, sia a loro volta bulli, oltre ai disturbi dell’umore già citati, spuntano idee di suicidio nel 25 per cento.

Da ultimo una dato che potrebbe stupire il bullismo al femminile. Le ragazze non disdegnano pugni e schiaffi, “come i giornali hanno più volte riferito” ma generalmente la loro persecuzione è d’ordine psicologico. Calunnie, isolamento, sgarbi, ricatti. Un metodo più sottile del bullismo dei maschi. Ma non meno tagliente e pericoloso. la persecuzione elettronica via telefonini, mail, blog, messaggistica istantanea, che ferisce fortemente tutti quelli presi di mira. «La vittima non rimane vittima solo una volta, ma rimane “catturata” dall’infinito spazio virtuale, le foto o le parole della persecuzione diventano “immortali”, ineliminabili». Non sottovalutare mai il bullismo in tutti i suoi aspetti,

Per meglio intercettare il disagio da bullismo, l’associazione “Vocinelvento” con il progetto “Sbullit Action” sta realizzando il primo servizio di ascolto e aiuto per le vittime del bullismo, attualmente i ragazzi in difficoltà, i loro genitori e i loro docenti possono frequentare il centro d’ascolto “Sbullit Point” tutti i venerdì dalle ore 19 presso il Patty’s Bar, ex chiostro delle Benedettine, Fano centro.

Prossimamente verrà aperto un consultorio convenzionato con professionisti del settore.

Mario Zamboni

Per informazioni info@sbullit.it

I commenti sono chiusi