L’agricoltura sociale ora è legge. Già realtà per 100 imprese venete

L'agricoltura sociale ora è legge. Già realtà per 100 imprese veneteDopo Toscana, Abruzzo e Campania, è la quarta regione in Italia in cui viene approvata una norma specifica in materia, che prevede agevolazioni e fondi alle aziende. La presentazione lunedì al carcere Due Palazzi di Padova.

Agevolazioni e accesso ai fondi comunitari per le imprese sociali che praticano attività agricole impegnando minori, anziani, tossicodipendenti, ex detenuti, persone con problemi psichici. Lo prevede la nuova legge regionale 14 in materia di “Agricoltura sociale“. La norma punta a promuovere l’offerta di servizi per “l’inserimento lavorativo e l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati, l’abilitazione e riabilitazione di persone con disabilità, la realizzazione di attività educative, assistenziali e formative di supporto alle famiglie e alle istituzioni”.

4° REGIONE IN ITALIA. Presentata lunedì mattina nell’auditorium della Casa Circondariale “Due Palazzi” di Padova, si tratta del quarto caso in Italia (dopo Toscana, Abruzzo e Campania) in cui viene approvata una legge specifica in materia. “Il fine è ridare fiducia e speranza a chi altrimenti rischia di restare ai margini della società – ha spiegato il presidente del Consiglio regionale Clodovaldo Ruffato – a tutte quelle categorie che sono gli anelli deboli della nostra società e che per questo hanno più bisogno di attenzione, per esempio quelli che hanno avuto esperienze in questo luogo. Ogni persona occupata nell’agricoltura sarà un’opportunità in più e un costo per lo Stato in meno”.

ESISTEVANO GIÀ, IL RICONOSCIMENTO. Sono già un centinaio le imprese agricole venete che si occupano di sociale, coniugando produzione e welfare, profitto e solidarietà. Fattorie didattiche, orti sociali, agrinidi, centri per anziani o per disabili tra frutteti da coltivare e animali da cortile da accudire sono esperienze consolidate di una “economia di solidarietà” che trovano ora riconoscimento e agevolazioni.

Da redazione

I commenti sono chiusi