Fecondazione assistita, negli Usa boom di richieste di figli “su misura”

Fecondazione assistita, negli Usa boom di richieste di figli “su misura”Hai sempre sognato che tuo figlio diventasse un campione sportivo o eccellesse in ambito musicale? Negli Stati Uniti scoppia la mania delle richieste di figli “su misura”, bambini con attitudini particolari selezionate secondo le richieste dei genitori.

A rivelare questa tendenza eticamente discutibile, che sta prendendo piede nei centri di fecondazione assistita americani, è Richard Scott della divisione di Embriologia riproduttiva della Rutgers University, nel corso del convegno “The new era of Pgs application” a Roma.

Una richiesta «eticamente inaccettabile»

«Sono venuti da me dei genitori che volevano un figlio giocatore di basket – racconta Scott – o una figlia con quoziente intellettivo maggiore di 200. Ognuno di questi tratti dipende da decine di geni, ci vorrebbero migliaia di embrioni per selezionarne uno. Non è possibile dal punto di vista tecnico. Oltre che eticamente inaccettabile. Ci sono però compagnie che stanno studiando il modo di produrre migliaia di gameti a partire dalle staminali, a quel punto si avrebbero migliaia di embrioni da cui, in teoria, scegliere quelli voluti. Questo è inaccettabile per i tratti somatici, ma sono molte di più le coppie con richiesta legate alla salute, con l’assenza di geni che aumentano il rischio di malattie. Il discorso è diverso, servirebbero regole che stabiliscono i limiti».

L’orecchio musicale si può selezionare

In alcuni casi è possibile determinare le caratteristiche fisiche, «un esempio è il sesso del nascituro – aggiunge Scott – ma anche l’orecchio musicale dipende da solo tre geni. In altri paesi, soprattutto in Asia, si fa già e so in particolare di una coppia che l’ha ottenuto». Nel nostro Paese la selezione degli embrioni a scopi eugenetici è vietata dalla legge 40, che ha di recente esteso la fecondazione in vitro anche alle coppie fertili,  e questo tipo di pratiche è espressamente vietato dalla carta dei diritti Ue. La richiesta di bambini su misura, con determinate doti preselezionate, non ha niente a che vedere e ha implicazioni etiche diverse rispetto alla diagnosi preimpianto che serve alla prevenzione di eventuali patologie.

Fonte DMO

I commenti sono chiusi